Nelle piazze delle nostre città, durante il mese di dicembre, siamo da sempre abituati ad ammirare alberi di Natale scintillanti, meravigliosi… ed enormi! Nelle nostre case invece dobbiamo sempre fare i conti con spazi più piccoli, pieni di oggetti e arredi: in salotto non c’è un angolo libero e in camera da letto non ne parliamo! Allora dove possiamo mettere il nostro bellissimo albero? Abbiamo la soluzione: costruiamo insieme un albero di Natale da appendere dove più ci piace, e la dimensione dell’albero possiamo sceglierla noi!

Mettiamoci quindi all’opera insieme alla nostra educatrice Eleonora e per prima cosa aguzziamo la vista!
Ci serve un bel rametto ed ecco che parte la ricerca del materiale naturale durante le passeggiate fuori casa con mamma e papà (più facilmente possiamo anche recuperarlo nel giardino di casa). Osserviamo bene la natura intorno a noi e facciamoci ispirare dal rumore del vento tra le foglie e infine raccogliamo lui, il prescelto: il ramo che ci piace di più e che fa proprio al caso nostro, soprattutto valutando la dimensione dell’albero da creare.

Se non abbiamo modo di recuperare un ramo, possiamo sostituirlo senza problemi con uno stuzzicadenti, una cannuccia resistente o qualsiasi altro oggetto che possa fungere da elemento centrale, o meglio tronco, della nostra creazione, o meglio del nostro albero.

Possiamo facilmente trovare in casa il resto del materiale necessario.

Dunque cosa ci serve?

  • Rametti (oppure cannucce, o stuzzicadenti lunghi)
  • Colla a caldo (oppure colla vinilica, o nastro adesivo o nastro biadesivo)
  • Forbici
  • Materiali naturali (ad es. foglie, bucce d’arancia, pigne, ecc.)
  • Materiali di recupero (ad es. pezzi di nastri, strisce di carta, lana, spago, ecc.)

Come procediamo?

  • Prendiamo i nastrini colorati, oppure le striscioline di carta (normale, crespa, velina), o qualunque cosa ci piaccia per creare i rami primari del nostro albero. Annodiamoli al tronco, ponendo nella zona più alta gli elementi più corti.
  • Scendendo verso il basso, stringiamo i nastri (o il materiale che abbiamo scelto) al tronco in sequenza, dal più corto al più lungo. Se fatichiamo ad annodarli, possiamo fissarli con la colla, altri nastrini, o lo spago (i più piccoli dovranno chiedere aiuto a mamma e papà).
  • Aggiungiamo man mano le parti più lunghe. La parti in eccesso possono essere ritagliate alla fine (i più piccoli dovranno chiedere aiuto a mamma e papà per l’utilizzo delle forbici).
  • Ora realizziamo l’elemento decorativo di punta😉, il puntale del nostro albero, con la buccia d’arancia. Ritagliamo la buccia a forma di cuore con le forbici (oppure possiamo modellarla con uno stampino per biscotti, sotto la supervisione di mamma e papà). Fissiamo il cuoricino in cima all’albero con la colla a caldo (oppure del nastro biadesivo o la colla vinilica, sempre con l’aiuto di mamma e papà).
  • In questa fase possiamo sbizzarrire la nostra creatività utilizzando ciò che abbiamo trovato in casa o fuori! Eleonora ci consiglia l’anice stellato (dalla graziosa forma a stella e dal profumo intenso), del cartoncino ritagliato, una piccola pigna, una stellina creata con dei rametti…
  • Infine, per riuscire ad appendere l’albero, dobbiamo fissare lo spago (oppure un filo di lana) sul retro del tronco, in cima, con un nodo, oppure con la colla (i più piccoli dovranno chiedere aiuto a mamma e papà).

Ecco trionfante il nostro piccolo e coloratissimo albero di Natale! Mostra in tutta la sua bellezza i materiali naturali e di recupero che lo compongono. Qui lo vediamo appeso ad un albero più grande, ma può decorare davvero ogni angolo di casa.

Albero di Natale creato da Eleonora

P.S.: ai più creativi diamo ulteriori spunti per realizzare altre versioni del nostro albero di Natale. La versione “da appoggio” e la versione “da piantare” nel terriccio dei vostri vasi.

Se vi siete divertiti a realizzare l’albero di Natale con Eleonora, vi consigliamo di provare a costruire anche le palline di Natale con Elisala mangiatoia campanella per aiutare gli uccellini con Francesca.